Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘IL SALOTTO DELLE CHIACCHIERE’

Vergogna, è la sola parola che mi viene in mente leggendo i quotidiani…
Vergogna per un’Italia paralizzata dalla neve, vergogna nel vedere palare la neve con pale da terra, vergogna nel vedere le ferrovie paralizzate, vergogna nel sapere che i partiti non si accorgono di immensi ammanchi dalle loro-nostre casse, vergogna nel sentire ministri pronunciare demenziali affermazioni sul posto fisso, vergogna nel vedere che per alzare lo spread è necessario poter licenziare più facilmente, vorrei gridare, vergogna nel vedere mafie che avanzano indisturbate, alla luce del sole alla conquista del nostro intero paese, Valle compresa, vorrei avere il potere per far sapere a tutta la massa di incompetenti che ci stanno governando che noi non siamo soddisfatti, noi non abbiamo speranze, noi siamo stanchi, stremati e schifati.
Depredati dei diritti, derubati dei progetti, saccheggiati nelle ideologie e nelle convinzioni, sfiduciati in qualsiasi istituzione, quali potrebbero essere le conseguenze di tali sentimenti? …
VERGOGNA, solo un’incredibile vergogna per quello che fu il paese più bello del mondo…
Ah, quasi dimenticavo la vergogna per calciatori con contratti milionari che per ventimila euro in più vendono persino il loro orgoglio…
CHE SCHIFO GENERALE…
A questo punto credo che ci vorrebbe proprio un miracolo per svoltare….
Scusate, ma stasera la mia anima aveva voglia di vomitare…

Read Full Post »

Come mai la raccolta differenziata è così difficile?
Il biglietto da visita nel mondo, del nostro paese, sono le immagini di Napoli, così forti e scandalose da rendere l’evento unico, nascondendo la realtà dei quartieri di tutte le altre grandi città.
Siamo quasi sommersi dalla nostra immondizia, Roma sta implodendo e si pensa a fare nuove discariche contro il disperato tentativo dei cittadini di opporsi.
Si pensa che la raccolta differenziata sarebbe bella e romantica, ma le amministrazioni continuano a disseminare i quartieri di cassonetti per l’indifferenziata e continua a gettare tutto insieme in discarica, basta sotterrare e prima o poi scomparirà.
E a forza di sotterrare e poi accumulare stanno nascendo nuove catene montuose che prima o poi gli verrà assegnato un nome e un posto sulle cartine geografiche.
Già, come si può fare nelle grandi città, sono grandi, non è pensabile…in Italia.
Mentre a San Francisco tutto viene separato, trasformato e ripartorito con nuova veste, una filiera completa di recupero, trasformazione e riciclo efficentissima, in grado di portare la città di San Francisco all’ 85% di raccolta differenziata.
E per chi se ne fregasse dell’ambiente, dello spreco, dell’ozono ecc… potrebbe allietarsi dall’idea di pagare meno tasse per l’immondizia.
Questo è uno dei risvolti positivi, più materiale viene riciclato e meno viene accumulato sulla nostra terra, il materiale da riciclare viene venduto e non accantonato, ecco perchè pagheremmo meno, l’immondizia si trasformerebbe in bene e non dovremmo quasi più pagare per liberarcene.

Per chi invece tiene a cuore le sorti della nostra terra e quindi della nostra vita…più ricicliamo e meno togliamo al nostro pianeta, ne va della nostra vita, possibile che ci siano dei motivi superiori a questo che impediscano in Italia una perfetta macchina di trasformazione per la nostra spazzatura?
Questione di civiltà credo…e quindi?
L’operazione suggerisce che siamo a secco di civiltà, e quindi?

GOVERNANTI DI TUTTA ITALIA CI SIETE? NON PENSATE TROPPO VI BASTA GUARDARE COME FANNO NELLE VERE GRANDI CITTA A SMALTIRE L’IMMONDIZIA E COPIARE, VI BASTEREBBE SEMPLICEMENTE COPIARE, E IL PROBLEMA SAREBBE RISOLTO, COME PER MAGIA…

Ah, noi invece, in Valle D’Aosta risolveremo il problema con un bel pirogassificatore, renderemo serio ciò che abbiamo visto accadere sempre a Napoli, immondizia che brucia, ma la nostra sarà ufficiale e pilotata per il nostro benessere, non selvaggia come in quel dì Napoli!
A noi riciclare ci fa proprio schifo, siamo una regione ricca e bruciamo tutto per ricomprare nuovo, è proibito?
Lo hanno chiesto ai cittadini che hanno detto: No, il pirogassificatore non lo vogliamo, e la risposta è che siamo troppo ignoranti per capire, quindi volere o volare il pirogassificatore si farà.
Questioni di civiltà…..
E menomale che tutta la regione conta tanti abitanti quanto una parte di un quartiere di San Francisco, altrimenti come avrebbero fatto a smaltirla, autorizzando anche roghi stradali in caso di necessità? 😦

Read Full Post »

Ci siamo ufficialmente entrati, nel fatidico 2012 e…a me piace pensare alla versione Maya che indica una nuova era, un cambiamento radicale, e sono molto ottimista riguardo ciò. Spero proprio che arrivi l’era della coscienza, e che tutti coloro che ne sono privi possano sprofondare in una voragine di avarizia da loro creata.
Leggo l’articolo delle lavoratrici Omsa, la famosa ditta di calze che produce anche Golden Lady, SiSi, tutta made in Italy, a Faenza, che saranno licenziate perchè tale fabbrica si trasferisce in Serbia. Risparmio tutto il mio sdegno rimandandovi a leggere l’articolo sul blog de Il popolo viola: http://violapost.wordpress.com/2012/01/01/un-impegno-concreto-per-il-2012-mai-piu-omsa/
Appoggio e sostengo la loro lotta per il diritto al lavoro e continuo a chiedermi come può essere possibile che non sia stato ancora creato un virus che inietti coscienza collettiva in tutto il mondo… Basta rubacchiare, corrompere, approfittarsi dei fondi del proprio paese, cercare di essere sempre il più furbo a scapito di molto altro, basta, questo 2012 sarà l’anno in cui inizieremo a tagliar fuori dalla società coloro che sono intenzionati a distruggere i nostri diritti di cittadini del mondo, basta furberie, ce lo mandano a dire anche i Maya….

Read Full Post »

Quanto tempo che non scrivo su queste pagine, e quante cose accadute, a me, come nel mondo!
Ci eravamo lasciati nell’era Berlusconi e ci troviamo nei giorni Monti, tutto sembra rotolare inesorabilmente, ma c’è ancora un’ultima speranza.
La coscienza.
E’ solo questo l’ultimo e preziosissimo ingrediente da aggiungere alle nostre vite, altrimenti potrebbe prendere le redini del paese anche Silvan ma sarebbe come fare la pasta aglio olio e peperoncino senza la pasta.
La coscienza.
Per questo vedrei bene al governo persone come Maurizio Crozza, Luciana Littizzetto, Roberto Benigni, saranno anche comici, ma mi sembra che potrebbero risolvere molte questioni molto più in fretta di altri…
Purtroppo la situazione non riguarda solo noi ma l’intero pianeta, quindi la riflessione si deve estendere come un’unica ragnatela in grado di abbracciare la nostra Terra tutta, e tenerci uniti indipendentemente dal colore, dalle origini o dal vestito, perchè la coscienza non deve avere travestimenti.
Credo molto nel fatto che i periodi bui siano sempre l’anticamera di qualcosa di grandioso, la storia ci insegna così, la geografia anche e non ci rimane che tentare di risollevarci.

Nel frattempo io scrivo, sono di nuovo in creazione e dedico sempre meno tempo al blog, ma non manco mai di farci un giretto e notare che qualcuno c’è sempre, grazie!

Read Full Post »

Non parlo mica di Napoli e dintorni, neanche dell’isola che galleggia in mezzo all’oceano fatta di nostri rifiuti uniti insieme nella lotta contro la natura, no, sto parlande dei rifiuti Nasa.
Ora ci mancava solo la possibilità di essere schiacciati da un pezzo di ferro piombato direttamente dall’universo, magari lo stesso pezzo di ferro che avevamo visto in tv in qualche servizio sui satelliti in orbita.
C’è talmente tanta confusione in questo terribile periodo storico, che ci si mette anche l’universo a sputarci addosso i nostri rifiuti!
Sembra che in Valle l’allarme sia rientrato, se poi dovesse cadere qualcosa… speriamo sia criptonite e che cada in mano a un buono, così, con una nuova tuta ed un nuovo simbolo, ci salverà da tutto il marcio che ci circonda…..

Read Full Post »

Di nuovo qui, dopo un sacco di giorni di assenza.
Beh, ho finito la mia creatura, e dopo periodi di full immersion con il pc ho bisogno di un po’ di disintossicazione, poi ho finito i lavori in casa, dalla voglia di country ho iniziato a rivestire un mobile per poi degenerare in tutta la casa, così abbiamo dato il colore a tutte le pareti, abbiamo girato i mobili della sala, abbiamo invertito le due camere e… mancherebbe la cucina, ma ora mi fermo per un po’!
E’ scoppiata la primavera, il caldo, e ho adottato una piccola serra in giardino da riempire di verdura. Insomma, sto facendo un po’ di cose, non ho più scritto ma non ho certo smesso di leggere quotidiani e quindi anche non volendo ho seguito il matrimonio del principe William e della belloccia Kate, anche se il culo della sorella Pippa sembra essere meglio, sembra che Bin Laden sia morto e sono state fatte celebrazioni come se fossero finite tutte le guerre del mondo, Fukushima è oramai lontana e chissà quanti pensano che il pesce congelato che arriva oggi nei nostri banchi potrebbe provenire da zone radioattive e contaminarci con cinque minuti in pentola! Il nucleare viene ora taciuto, ci è stato detto, che ci danno un anno di tempo per dimenticare bene e poi tornare a farci credere che sia davvero l’unica possibilità di sostentamento energetico per il futuro, così non c’è bisogno di pensare al referendum…
IL 12 E 13 GIUGNO C’E IL REFERENDUM PER VOTARE IL NUCLEARE, LA PRIVATIZAZIONE DELL’ACQUA E IL LEGITTIMO IMPEDIMENTO, RICORDATE? Infatti non trovo quasi nessuna propaganda sul referendum se non dove so di trovarla!
Ma questa mattina mi sono trovata letteralmente senza parola nel leggere una notizia.
Accompagnando mio figlio a scuola avevo già sentito Antonello Dose e Marco Presta ( Ascoltate vero Il ruggito del coniglio, la mattina alle otto su radio due, la trasmissione più bella del mondo!)commentare la notizia e attribuirle l’argomento del giorno, ma avevo ancora troppo sonno e mi sono resa conto, poi ho comprato il giornale, mi sono messa in coda alla posta ed eccola lì, in prima pagina, come accadde negli anni trenta in America, una nuova crociata contro una pianta.
Allora fu contro la canapa, che, ottimo sostituto del petrolio, della plastica, della carta e decine di altri derivati, fu dichiarata illegale, demonizzata e bandita sino a raggiungere quasi ogni angolo della terra, stavolta tocca al gelsomino.
Non si parla più di America, ma ancora una volta di un paese “avanti”, in piena marcia verso la conquista del pianeta, la Cina.
Già, il gelsomino in Cina rappresenta il simbolo della rivolta e quindi… è stato messo al bando, fuori legge, proibita la vendita e la coltivazione, improvvisamente milioni di piante saranno estirpate e altrettante lasciate morire in vaso, accantonate come terribili nemiche dell’umanità.
Il gelsomino che come unica colpa ha avuto quella di essere stato preso in esempio o di ispirazione da milioni di persone, ecco la sua colpa….
Vorrei gridare, avere di fronte colui che ha proposto ciò e coloro che lo hanno assecondato, ma è possibile che non ci riesca proprio far funzionare il cervello una volta arrivati al potere??????
Vorrei anche far due chiacchiere con Gandhi e chiedergli come farebbe a risolvere la nostra situazione, perchè non riesco a vedere una via pacifica per far tornare la normalità nella testa dei governanti….
Boh…però quasi quasi prendo un paio di gelsomini e li metto insieme ai pomodori in serra, facciamolo tutti, per ogni gelsomino morto in Cina ci dovrà essere un gelsomino nato nel mondo, basta bestialità!!!!!

Read Full Post »

Domani ho appuntamento per fare la mia mini dichiarazione di redditi part time, cercando di scaricare un po’ di visite mediche e un po’ di scontrini della farmacia, e come ogni anno mi si presenta la scelta della destinazione del 5 per 1000.
Allo stato credo di donare anche parte del mio sangue, guardando il lordo e il netto della busta paga, non sono fra i sostenitori del vaticano e quindi ogni anno cerco di dare il mio piccolo contributo a chi ne ha bisogno. Fino a qualche anno fa lo destinavo alla ricerca medica italiana, poi quando lessi che una parte consistente venivano dati all’Alitalia per sanare i buchi di tangenti e porcherie varie saltai sulla sedia e decisi che il mio piccolo contributo, piuttosto lo avrei devoluto all’estero.
Così generalmente alterno medici senza frontiere ed Emergency.
Quest’anno il nostro andrà ad Emergency, per il loro impegno in prima linea e per il loro motto: Sanità gratuita e di alto livello per TUTTI.
E l’altro sarà devoluto a Greenpeace, i guerrieri a difesa della nostra madre terra, che se avessi un po’ più di coraggio e un figlio già grande e indipendente, non esiterei a contattare per andare a difendere colei che offre vita da tutti coloro che per interessi intendono ucciderla e ucciderci.
Non lasciamo che il nostro 5 x 1000 venga devoluto a piacimento di altri, decidiamo noi!

Read Full Post »

Older Posts »