Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 19 gennaio 2010

Credo che, indipendentemente dai contenuti, un libro possa trovar acquirenti anche grazie alla copertina.

La copertina è quella che guardi e vedi ogni volta che stai per iniziare a leggere, chi non ha mai comprato un libro rapito per lo più dalla copertina?

A me per esempio è capitato,e grazie al cielo, con Joanne Harris, un’autrice scoperta per caso che mi ha rapita al punto da costringermi a procurarmi tutti i suoi libri e a leggermeli piano piano per non finirli subito!

Fu la copertina de “La scuola dei desideri” a catturare la mia attenzione.

E’ nera, riporta un’illustrazione di Iacopo Bruno, due mani che sfogliano un antico tomo, poi il nome dell’autrice coronato dal ricciolo sulla acca del cognome, sempre presente nei suoi libri,il titolo ed un  interrogativo su quattro righe.

Libro letto godendo di ogni parola, il suo linguaggio può risultare piacevolmente ipnotico, con un finale che mi ha quasi fatto saltare sulla sedia.

Non l’ho più abbandonata, da Chocolat, Vino patate e mele rosse, La donna alata, Cinque quarti d’arancia, Le scarpette rosse, Le parole segrete, li ho tutti divorati e li consiglio a tutti coloro che hanno voglia di leggere qualcosa che li faccia innamorare dei protagonisti, fino a sentirli vivi.

Un libro può essere uno dei migliori antidepressivi e fonte di energia più salutare e a portata di mano, io consiglio di leggere a tutti, in ogni momento e per qualsiasi motivo.

Alla cassa, chiacchiero molto volentieri con chi acquista libri, spesso sono persone con cui si discorre meglio, e a dispetto dei sondaggi…siamo tanti!!

Inoltre l’ipnosi che può dare un libro è ben diversa dall’ipnosi data dalla televisione, o no?

Ora sto leggendo “Nelle pieghe del tempo” di Valter Sandri, quello che era un cliente del sabato pomeriggio che poi è anche diventato un momento di scambio di opinioni del mondo letterario, un vero toccasana nella ripetitività del mio lavoro.

Lui scrive racconti, mi piace di più affezionarmi ai protagonisti, ma i suoi racconti fanno riflettere e a volte sobbalzare, l’ho iniziato da poco ma lo sto leggendo volentieri, bravo “Uolter”!

E voi, l’avete letta la mia Ofelia?

A presto

Cristina

Annunci

Read Full Post »

il mio blog

Eccomi, finalmente questa mattina sono riuscita ad acquisire il controllo di queste pagine, o almeno credo. Abbiamo fatto alcune prove, ora spero di riuscire a mettermi in contatto con la rete.

Salve a tutti sono Cristina, se avete letto le pagine riguardanti la mia Ofelia… credo non ci sia nient’altro da aggiungere, spero vi sia venuta un po’ di voglia di leggerlo, inutile stare a ribadire il mio desiderio che qualcuno voglia tenersi compagnia con i miei scritti, giusto?

…..Dai…l’avete letto?

….E ora?….

Vorrei invece condire questo fazzoletto di etere con pensieri e chiacchiere, tutte quelle che popolano le mie giornate, con cui tartasso il mio compagno o che condivido con la mia amiha, così la chiamo, sono fiorentina!

Scrivo da sempre, ma le circostanze della vita mi hanno portato a fare la cassiera, e… avete idea di quante chiacchiere fanno o ascoltano le cassiere di un supermercato?
Siamo in città, ma non tanto città quanto Firenze o Milano, la gente va di corsa, ma non tutti, anzi.
Sono molti coloro che si affidano al supermercato per trovare due parole da scambiare con qualcuno, e se sono di buon umore non è poi così male il mio lavoro!
Ci sono poi quelli che escono di casa con l’intenzione di maltrattare qualcuno, ma basta individuarli e saperli raggirare con le buone maniere, ad ogni costo!

Vorrei condividerle con gli amici lettori che avranno intenzione di tornare a visitare il blog di Ofelia, un po’ per confortare chi crede di essere il solo ad avere un sacco di manie, un po’ per scaricare lo stress mio dato dallo sforzo estremo di rimanere sempre calma e sorridente, e un po’ perchè… dovrei davvero decidermi a scrivere anche io un libro sulla vita delle cassiere…per ora lo faccio sul blog, poi si vedrà.

Grazie se siete arrivati a quest’ultima riga.

A presto

Cristina

Read Full Post »